Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 31 Gennaio 2021

55

PAROLA AUTOREVOLE, EFFICACE E LIBERANTE

Dove arriva Gesù Cristo il demonio non puòtrovarsi a suo agio, perché Gesù è la santità. Esso quindi reagisce, ma nulla può contro di lui.Gesù Cristo è venuto proprio per questo, per sostenerci nella lotta contro Satana e per vincerlo.– Oggi ricorre la Giornata dei malati di lebbra.

La promessa fatta da Mosè al popolo d’Israele: «Il Signore, tuo Dio, susciterà per te un profeta pari a me» (I Lettura), si compie in Gesù Cristo, il Messia, il nuovo Mosè,l’unico maestro di sapienza, il Verbo incarnato, Mediatorefra Dio Padre e l’umanità.

Egli è la roccia della nostra salvezza: prostriamoci in ginocchio davanti a lui, Capo e Pastore del suo gregge, accogliendo docilmente la sua Parola per entrare nel suo riposo, partecipando alla sua vitaeterna (Salmo responsoriale).

Lasciamoci liberare e rinnovare da lui, che di sabato nella sinagoga di Cafarnao – “villaggio della consolazione” –parla con autorità profetica rendendo visibile il regno di Dio, e guarisce un indemoniato (Vangelo). Gesù, il santo diDio, è venuto per distruggere le opere del diavolo, per farenuove tutte le cose.

In questa Eucaristia, fonte di salvezzaeterna, entriamo in contatto con lui, Medico divino, che citocca per guarirci, spegnendo il fuoco delle nostre passioni disordinate e liberandoci dalle vane preoccupazioni che appesantiscono il cuore (II Lettura), perché lo ascoltiamo e loseguiamo, dedicandoci a lui, unica e autentica nostra preoccupazione.

don Francesco Dell’Orco
Fonte Edizioni San Paolo

SCARICA LA VERSIONE PDF DEL FOGLIETTO


Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 31 Gennaio 2021 – don Stefano Spedicato
Articolo successivoPapa Francesco – Angelus del 31 Gennaio 2021 – Il testo, il video e il file mp3