Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 30 ottobre 2016

64

PREGARE DIO PER I VIVI E PER I MORTI

Zaccheo si lasciò incontrare da Gesù e con gioia gli aprì il cuore. In questo Giubileo della misericordia lasciamoci toccare dalla parola di Gesù, medico delle anime e dei corpi. Egli ci invita alla conversione. Non c’è casa in cui non possa entrare la salvezza.

[ads2]Le opere di misericordia proposte dalla Chiesa si suggellano con la preghiera: essa è veramente un’opera, la più gradita a Dio e sulla quale Gesù insiste più volte nel Vangelo. Ogni cristiano è sacerdote, la cui parola significa esattamente “intercessore”, cioè colui che “si mette in mezzo” tra l’umanità e la divinità, creando un ponte di dialogo fra l’uomo e Dio.

Spesso si pensa che la preghiera sia di minore importanza rispetto all’azione, che solo agendo con volontà ed entusiasmo i problemi si smuovano e risolvano; tuttavia, ci si rende sempre conto che alla fin fine l’uomo fallisce se prima di agire non interpella Dio, se non discerne la sua volontà e allora comprende come davvero la preghiera sia necessaria.

Così è delle situazioni e delle persone umane, con le loro fatiche e i loro travagli, ma così è anche di quanti ci hanno preceduti nella morte. La Lumen gentium, il documento conciliare sulla Chiesa, afferma che «L’unione di quelli che sono ancora in cammino coi fratelli morti nella pace di Cristo non è minimamente spezzata; anzi, secondo la perenne fede della Chiesa, è consolidata dallo scambio dei beni spirituali» (n. 49).

Di qui l’opportunità di pregare per i defunti, affidando al Signore non solamente quanti conosciamo o quelli a cui abbiamo voluto bene, ma anche coloro che non abbiamo saputo amare, che non abbiamo conosciuto, fino a intercedere per coloro che sono più bisognosi della misericordia di Dio.

Tiberio Cantaboni

VUOI ALTRI COMMENTI AL VANGELO?

XXXI Domenica del Tempo Ordinario – Anno C

[ads2]Lc 19, 1-10
Dal Vangelo secondo Luca

1Entrò nella città di Gerico e la stava attraversando, 2quand’ecco un uomo, di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco, 3cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. 4Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là.

5Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». 6Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. 7Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!».

8Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto». 9Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. 10Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 30 Ottobre – 05 Novembre 2016
  • Tempo Ordinario XXXI, Colore verde
  • Lezionario: Ciclo C | Anno II, Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

Salva

Salva

Salva

Salva

Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 30 ottobre 2016 – p. Luigi Cicolini
Articolo successivoOmelia Mattutina di Papa Francesco del 28 ottobre 2016 a casa Santa Marta