Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 3 Ottobre 2021

101

UOMO E DONNA NEL PROGETTO DIVINO

L’unione indissolubile tra l’uomo e la donna è stata sempre minacciata e danneggiata, con comportamenti e leggi che hanno permesso il divorzio. Gesù non entra in disputa con i farisei su questo tema, ma ribadisce il progetto originario di Dio: l’uomo non divida ciò che Dio ha congiunto.

L’autore del libro della Gènesi (I Lettura) ci presenta il progetto divino dell’unità fra il creato e il genere umano, e dell’Unione sponsale fra l’uomo e la donna. L’uomo non è il signore assoluto del creato, ma l’amministratore dei doni del Signore.

Né le cose né gli animali sono in grado di colmare il suo vuoto esistenziale, cioè non sono un aiuto a lui corrispondente. Solo la donna lo è, e rompe la solitudine dell’uomo, che non è bene al cospetto di Dio Trinità, comunità d’Amore. Gesù nel Vangelo richiama i farisei di ieri e di oggi all’intenzione originaria di Dio creatore sul matrimonio e sulla famiglia.

Egli, infatti, rivela il cuore di Dio, sempre tanto paziente nel sopportare il cuore umano indurito, come emerge dalla legislazione mosaica: essa, più che legittimare il divorzio, mirava a mitigarne le conseguenze. Gesù ci ricorda che il matrimonio-sacramento è unico e indissolubile e, quindi, «l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto».

Gli sposi sono chiamati a mettersi nelle mani del Signore, come i bambini, ai quali appartiene il regno di Dio. Ripartiamo dall’Eucaristia che ci rende una sola carne con Cristo.

don Francesco Dell’Orco

Fonte Edizioni San Paolo

SCARICA LA VERSIONE PDF DEL FOGLIETTO


Articolo precedenteSalve Regina O.P.
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 2 Ottobre 2021