Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 29 Agosto 2021

112

AVVICINARSI A DIO

Mosè aveva dato al popolo norme che dovevano aiutarlo a servire Dio e a restare nella libertà ricevuta in dono. Ma senza una vera conversione e con una osservanza solo esteriore queste norme divennero presto una nuova forma di schiavitù.

È una costante umana pensare e procedere per opposizioni: bianco-nero, sinistra-destra, altobasso, interiore-esteriore, e via dicendo. E la Parola di oggi ce ne dà alcuni esempi: ascoltare e praticare, aggiungere e togliere (alla Legge), labbra e cuore, interno ed esterno, puro e impuro.

Il Vangelo, però, ci mette in guardia su un errore piuttosto diffuso, specie tra i farisei: trasportare nel campo morale un metodo per la conoscenza del mondo, dividendolo così in due parti, una buona e un’altra cattiva.Gesù condanna le pratiche dei farisei, ma senza introdurre una nuova divisione del mondo: non dichiara cattivo ciò che, prima di lui, era considerato buono e viceversa.

Afferma infatti: «Non sono venuto per abolire, ma per dare compimento» (Mt 5,17).

I farisei non avevano capito che l’attaccamento alla Legge doveva significare l’attaccamento a Dio e che la Legge è santa non soltanto perché proviene da Dio, ma perché conduce a lui. È solo quando cerca la presenza di Dio che il cuore sperimenta l’intelligenza autentica delle cose.

don Tiberio Cantaboni

Fonte Edizioni San Paolo

SCARICA LA VERSIONE PDF DEL FOGLIETTO


Articolo precedentep. Maurizio de Sanctis – Commento al Vangelo del 29 Agosto 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 29 Agosto 2021 – don Giovanni Berti (don Gioba)