Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 26 Aprile 2020

388

INCONTRARE IL RISORTO SULLA VIA DEL FALLIMENTO

Nell’ascolto della Parola e nel Pane spezzato la sera del mondo che muore lascia il posto al mattino luminoso della Risurrezione. – Oggi ricorre la 96ma Giornata per l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Per quale ragione Cleopa e il suo compaano sono diretti a Emmaus? il loro villaggio? Oppure, delusi dal mite e fallimentare annuncio del Maestro, ci vanno per tornare alle armi? Quel piccolo villa io è, infatti, noto per essere stato testimone della vittoria I iuda Maccabeo sul potente esercito del re Antioco.

Non lo sappiamo. Vediamo i due nel loro triste cammino, fino all’incontro con il buon Pastore risorto, in ricerca delle pecore perdute. Egli cammina con loro, li
ascolta, li istruisce. Riscalda i loro cuori fino alla vittoria su ogni dubbio, che avviene allo “spezzare del pane”. Allora, l’amore si riaccende in essi e, senza indugio, tornano a far parte della comunità, recando a tutti il lieto annunzio. Loro, che si erano incamminati su una via dagli esiti incerti, sono stati salvati dal sangue dell’Agnello.

Anche oggi solo il Signore Crocifisso e Risorto può spezzare le catene dell’odio e della violenza. Per lui possiamo cantare: non abbandonerai le anime nostre negli Inferi; ci hai fatto conoscere le vie della vita, ci colmerai di gioia con la tua presenza. Come non portare al mondo intero questo lieto annunzio?

fr. Antoine-Emmanuel, Frat Monast. di Gerusalemme, Firenze, dal foglietto “La Domenica” dei Periodici San Paolo S.r.l.

SCARICA LA VERSIONE PDF DEL FOGLIETTO PER
CELLULARI/TABLET | FORMATO A4