Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 25 Luglio 2021

119

AFFIDARE A DIO LA NOSTRA INADEGUATEZZA

Gesù con la merenda di un ragazzo sfama una folla numerosa. La condizione del miracolo è che tutto sia portato a lui. La sua grazia moltiplicherà il poco che abbiamo per creare un’abbondanza prima insospettabile.
Oggi si celebra la 1a Giornata mondiale dei nonni e degli anziani. 

Immersi come siamo in una cultura di morte, la sfida di annunciare il Vangelo – ossia di viverlo – è immane. In questo contesto, che Chiesa saremo? Una Chiesa che, come l’apostolo Filippo, misura le proprie capacità umane e tira i remi in barca? Oppure una Chiesa che riconosce la propria inadeguatezza e la consegna fiduciosamente a Gesù? E cosa avviene quando affidiamo a Gesù il poco che abbiamo? Lo moltiplica (Vangelo).

Ne fa il luogo in cui zampilla una vita nuova che soddisfa, anzi supera i bisogni delle folle. Al tempo di Eliseo, fu un servo lo strumento di questa meraviglia (I Lettura). Nel Vangelo, è un bambino. Che dire allora? Non potresti forse essere tu, oggi, a mettere la tua inadeguatezza nelle mani di Gesù?

Così potrai servire il disegno stupendo di Dio: che diventiamo una cosa sola, che viviamo per «un solo Dio», illuminati da «una sola speranza»: la Vita, quella eterna (II Lettura). Questo disegno luminosissimo si compie ogni qualvolta lasciamo la potenza di Dio manifestarsi nella nostra debolezza…

Fonte Edizioni San Paolo

SCARICA LA VERSIONE PDF DEL FOGLIETTO


Articolo precedenteMt 13, 31-35
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 26 Luglio 2021 – Mt 13, 31-35