Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 2 Dicembre 2018

80

MOSTRACI, SIGNORE, LA TUA MISERICORDIA

La vita del cristiano è un cammino incontro al Signore. La Chiesa è la Sposa che attende Gesù, il suo Sposo. Noi siamo come dei pellegrini: non dobbiamo distrarci e dissiparci, perdere la memoria di Cristo, attardarci per via.

Entriamo oggi in Avvento, un tempo di attesa. Nel Vangelo Gesù ci invita a un atteggiamento preciso: «Vegliate in ogni momento!». L’attesa è connessa con la vigilanza. Vegliare significa acuire lo sguardo per riconoscere, in quelli che ai più potrebbero sembrare i segni di una fine inevitabile, i germogli di un nuovo inizio. Un mondo vecchio, segnato dal peccato, muore, ma perché in esso sta nascendo un mondo nuovo, nel quale è presente la potenza di vita del Risorto.
Dobbiamo vegliare per discernere, in una storia che sembra destinata al fallimento, l’agire di Dio che compie quelle «promesse di bene» annunciate da Geremia (I Lettura). Colui che attendiamo è il germoglio di Davide: egli viene a far germogliare nel mondo la novità di Dio, che deve rinnovare la nostra esistenza. Infatti, il segno inequivocabile di un mondo diverso, è la nostra possibilità, generata dalla grazia del Veniente, di «crescere e sovrabbondare nell’amore», come Paolo scrive ai Tessalonicesi (II Lettura). Più che osservare con preoccupazione i segni di un mondo che finisce, il nostro amore deve diventare segno profetico del mondo nuovo che nasce.

Fr Luca Fallica, Comunità SS. Trinità, Dumenza – Fonte

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

I DOMENICA DI AVVENTO – ANNO C

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 2 dicembre 2018 anche qui.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 21,25-28.34-36
 
«Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte.
Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria.
Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina.
State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 02 – 08 Dicembre 2018
  • Tempo di Avvento I,
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo C
  • Anno: III
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]

Articolo precedenteAvvento – Silvano Sirboni, Liturgista
Articolo successivoEsegesi e commento al Vangelo di Domenica 25 Novembre 2018 – p. Rinaldo Paganelli