Home / Vangelo della Domenica / Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 17 Marzo 2019

Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 17 Marzo 2019

GESÙ È PROCLAMATO FIGLIO DI DIO

Il Vangelo che oggi viene proclamato ci parla della Trasfigurazione di Gesù Cristo. È un evento che illumina questo tempo di Quaresima e ci indica la finalità della pratica della penitenza, del digiuno e della preghiera: la trasfigurazione del nostro cuore.

ABRAMO, padre nella fede, per primo imparò a fidarsi di Dio nelle vicende liete e tristi della vita. Dio gli promette una discendenza numerosa come le stelle del cielo, alludendo al dono di Isacco, ma anche il possesso della terra.

Segno delle divine promesse è l’alleanza che Dio stipula con Abramo, espressa mediante il linguaggio del sacrificio (I Lettura). Anche per noi, come per Abramo, la salvezza dipende dalla fede, che è adesione al Figlio di Dio, Gesù, il quale sul Tabor — luogo della divina rivelazione — dinanzi a Pietro, Giacomo e Giovanni, che sarebbero stati suoi compagni nel Getsemani, si trasfigura mentre prega, manifestando la sua identità.

Mosè ed Elia, simbolo delle Legge e dei profeti, parlano dell’esodo del Messia, cioè della sua beata passione. La salita sul Tabor prepara la salita sul Calvario, rafforzando la fede degli apostoli nell’imminenza della passione di Gesù.

In ubbidienza al Padre ascoltiamo e seguiamo Gesù (Vangelo). Mentre aspettiamo come salvatore Gesù Cristo che trasfigurerà il nostro misero corpo per conformarlo al suo corpo glorioso, rimaniamo saldi in lui, facendoci suoi imitatori (II Lettura).

Francesco Dell’OrcoFonte – Edizioni San Paolo

VEDI ANCHE

Commento al Vangelo di domenica 24 Marzo 2019 – Congregazione per il Clero – p. Gaetano Piccolo S.I.

III Domenica di Quaresima – Anno C Nessun grido resta inascoltato Quando ci sentiamo attaccati …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.