Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 15 Maggio 2022

30

- Pubblicità -

TUTTO INIZIA DALL’AMORE

Il comandamento nuovo che Cristo ci ha rivelato è la carità fraterna. Da quando Dio si è fatto uomo per salvarci, chi vuole onorare Dio non può farlo senza onorare l’uomo, per il quale Dio ha dato tutto. Oggi è la Giornata di sensibilizzazione per il sostegno economico alla Chiesa cattolica.

È un quadro stupendo quello descritto dalla pagina dell’Apocalisse (II Lettura): un rinnovamento misterioso e inesprimibile trasformerà l’umanità, il creato, il mondo. L’abbraccio amorevole di Dio, che fa nuove tutte le cose, purificherà e trasfigurerà ciò che conta davvero. Dio sarà tutto in tutti come sorgente perenne di gioia, di pace e di reciproca comunione.

A noi, discepoli del Risorto, radicati nella speranza che non delude, è chiesto di trasferire in Dio le attese del cuore per discernere e pregustare la beatitudine futura, che si va svelando già ora nei meandri contorti della storia. Tra le persecuzioni del mondo e le consolazioni di Dio si snoda, infatti, il cammino della Chiesa che annuncia la parola del Risorto, come attestano Paolo e Bàrnaba al termine del loro viaggio missionario.

Sia che la si accolga sia che la si rifiuti, la Parola tocca le coscienze di tutti e si diffonde; l’annuncio corree contagia, e la Chiesa si organizza per servire il suo Signore(I Lettura). Del resto, la gloria di Cristo ha il prezzo ignominioso della croce (Vangelo). Mentre Giuda lo abbandona, Gesù riscatta il tradimento con la pienezza dell’amore. Questa è la via “nuova”, perché il mondo rifiorisca.

don Giuliano Saredi, ssp

Fonte Edizioni San Paolo


- Pubblicità -

Articolo precedentedon Gio Bianco – Commento al Vangelo del 15 Maggio 2022
Articolo successivodon Alessandro Dehò – Commento al Vangelo del 15 Maggio 2022