Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 13 Settembre 2020

94

PERDONERAI FINO A SETTANTA VOLTE SETTE

Il discepolo di Gesù deve essere sempre pronto nel concedere il perdono senza ricorrere a scusanti. Questo perdono dato al fratello
ha una radice profonda: va, infatti, riconosciuto
che noi per primi siamo stati perdonati da Dio. — Oggi ricorre la 106a Giornata del migrante e del rifugiato.

Non è un mero calcolo matematico quello che Gesù propone a Pietro, e cioè di perdonare non fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette (Vangelo). E una classica iperbole evangelica che indica la disposizione dell’animo d’essere sempre misericordiosi e accoglienti, perché l’amore è l’unico vero motore interiore che può spingere alla conversione e al cambiamento di vita.

L’uomo ragiona secondo la logica e la giustizia distributiva: a ciascuno il suo, a ogni delitto la sua pena proporzionata alla gravità reale di quanto commesso. La logica evangelica suggerisce un altro canone: quando una persona, che ha commesso il male, si sente abbracciata dalla misericordia e dal sorriso, è immediatamente di fronte a uno stile diverso di vita, fatto di bene e di amore; e quel male compiuto rosicchia talmente nell’animo da spingerlo a cambiare stile di vita. L’impegno è molto chiaro: «Perdona l’offesa al tuo prossimo e per la tua preghiera ti saranno rimessi i peccati» (l Lettura), perché con la misura con cui misuriamo ci sarà misurato in cambio (Cfr. Mt 7, 2).

don Tiberio Cantaboni Fonte Edizioni San Paolo

SCARICA LA VERSIONE PDF DEL FOGLIETTO PER

CELLULARI/TABLET

FORMATO A4