Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 13 novembre 2016

459

CON LA VOSTRA PERSEVERANZA SALVERETE LA VOSTRA VITA

L’annuncio della rovina del tempio di Gerusalemme viene collocato nella prospettiva di quanto accadrà negli ultimi tempi. Al tramonto del mondo e della storia, quel che importa è una cosa sola: la perseveranza nella fede. – Oggi si celebra la 66ma Giornata nazionale del Ringraziamento.

[ads2] IL Signore Gesù ci prepara ad accogliere nel modo migliore l’avvento delle “realtà ultime” alle quali è strettamente legato il tema del giudizio che riguarderà ogni persona una volta compiuta la propria esistenza terrena.

Il messaggio che ci rivolge è chiaro: «Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita» (Vangelo). La perseveranza che Egli chiede è anzitutto quella che si esercita nell’adesione piena a Lui e al suo messaggio di salvezza, che esclude categoricamente il prestare ascolto a falsi profeti che gridano: «Sono io!», o che predicono con presunzione: «Il tempo è vicino».

Nonostante la chiarezza del suo annuncio, però, le prime comunità cristiane, qualche anno dopo la morte e la risurrezione di Gesù, cadranno in quest’errore. Fra queste, quella di Tessalonica, che ha bisogno di essere ripresa su questo punto dall’Apostolo Paolo (II Lettura).

La parola certa di Gesù, inoltre, porta a compimento quanto aveva già annunciato il profeta Malachìa, secondo il quale, gli arroganti e malvagi del presente saranno strappati alla radice nel Giorno del Signore, mentre i fedeli al suo Nome saranno illuminati dal sole di ogni giustizia (I Lettura).

Guido Colombo, ssp

VUOI ALTRI COMMENTI AL VANGELO?

XXXIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C

Lc 21, 5-19
Dal Vangelo secondo Luca

[ads2]5Mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, disse: 6«Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta». 7Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». 8Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro!

9Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine». 10Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, 11e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo. 12Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome.

13Avrete allora occasione di dare testimonianza. 14Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; 15io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere. 16Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; 17sarete odiati da tutti a causa del mio nome.

18Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto. 19Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita.

  • 13 – 19 Novembre 2016
  • Tempo Ordinario XXXII, Colore verde
  • Lezionario: Ciclo C | Anno II, Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

Salva

Salva

Salva

Salva

Articolo precedenteRAI STORIA – Templari. I monaci combattenti
Articolo successivoSu TV2000 tutte le sere “La Compieta”