Brevi spunti alle letture del 15 Luglio 2018 – Servizio della Parola

Pubblicità

Mandati a evangelizzare. Il vangelo di Gesù, che è ora affidato ai suoi discepoli, è annuncio di salvezza, promessa di una vita piena ed eterna. È questo vangelo il cibo di cui hanno bisogno anche gli uomini d’oggi, spesso disorientati nella loro inconcludente ricerca di come saziare la loro fame di verità e senso.

Chi vuole essere profeta, anche oggi nella nostra società, deve farsi strumento dello Spirito di Dio e messaggero del Vangelo, ossia della bella notizia che il Padre ci salva attraverso il Figlio, Gesù il Cristo. Non stupisce ascoltare dal vangelo proclamato oggi nella liturgia che il primo compito che Gesù assegna ai discepoli inviati in missione è la lotta contro il male che affligge l’umanità in ogni tempo. La liturgia celebra il mistero della presenza di Dio che salva. Anche l’umanità, però, è chiamata ad una scelta, a schierarsi con Gesù contro le potenze distruttive. La decisione di seguire Gesù è allo stesso tempo un invio a diffondere il suo Vangelo, non elimina il conflitto con il male, ma impegna a vincerlo con il dono di sé.

Il vangelo oggi proclamato descrive la missione dei discepoli: i Dodici hanno accompagnato Gesù nei suoi spostamenti, lo hanno visto impegnato nell’annuncio e nell’azione a favore dell’umanità. Ora sono da lui inviati a testimoniarlo nel mondo: essi devono seguire Gesù anche nell’insuccesso, persino nel rifiuto, senza cadere nello scoraggiamento.

Rifiuto e disprezzo è spesso il pane dei profeti. La prima lettura descrive l’esperienza di Amos, respinto dai fratelli del nord, che avevano costruito il loro santuario a Betel in contrapposizione a Gerusalemme e ai fratelli del sud. Il profeta che cerca riconciliazione e invita alla pace viene insultato e rifiutato.

Della presenza e dell’azione di Dio per noi parla la seconda lettura : la storia che viene presentata ai cristiani di ogni tempo non è altro che il grande disegno di amore e di riconciliazione di Dio per l’umanità, per il quale non possiamo che rendere grazie.

Fonte: Servizio della Parola

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 15 Luglio 2018 anche qui.

Mc 6, 7-13
Dal Vangelo secondo Marco

7Chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. 8E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; 9ma di calzare sandali e di non portare due tuniche. 10E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. 11Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro». 12Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, 13scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 15 – 21 Luglio 2018
  • Tempo Ordinario XV
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

Potrebbe piacerti anche