Azione Cattolica – Commento al Vangelo di domenica 23 Maggio 2021

109

Abbiamo bisogno di essere rassicurati sempre, soprattutto in momenti particolari della nostra vita. Non viviamo perché siamo forti, ma perché qualcuno cerca sempre di rassicurarci, di tenerci legati al cuore nonostante le distanze e anche la morte. Sembra che Gesù abbia capito profondamente lo stato del cuore dei suoi discepoli; Gesù vede nei loro occhi che ci sono cose che li colpiscono più di altre, ci sono discorsi che entrano nel cuore dei suoi amici e che spesso generano confusione e smarrimento.

Gesù vede i suoi discepoli smarriti e sente il bisogno di rassicurarli, di rendere il loro cuore più sereno. Per questo promette il Paraclito, termine forse difficile e a tratti davvero estraneo al nostro modo di parlare, ma che dice realmente qualcosa di molto umano; il Paraclito è “colui che è chiamato accanto”, è uno che sta accanto a noi, che cammina con noi, che ci fa sentire la sua presenza soprattutto quando non siamo in grado di portare il peso della nostra vita.

È una promessa di Gesù ai suoi discepoli, come per dire: non siate preoccupati; lo so che tutto vi sembra difficile, a volte anche incomprensibile; lo so che non capite tutto quello che vi sto dicendo (spesso questa è una grande illusione), ma lo capirete con il tempo quando i vostri occhi saranno in grado di vedere oltre, con l’aiuto di qualcuno. Ma ci sarà un giorno in cui tutto vi sarà chiaro: i vostri occhi vedranno con chiarezza tutto quello che vi sto dicendo e non sarete più confusi. Sarete capaci di portare il peso, di parlare anche delle cose che adesso non capite, perché lo Spirito vi camminerà a fianco, sarà accanto a voi nel cammino, sosterrà i vostri passi incerti e darà una luce particolare ai vostri occhi.

Vi ricorderà, vi porterà al cuore tutto quello che avete visto e sentito; vi farà capire tutto quello che è rimasto nel cuore e che non avete avuto il coraggio di dirmi. Lo Spirito, Colui che sarà chiamato accanto a voi, vi annuncerà e vi ricorderà tutto quello che ho detto io, e non avrete più paura perché lo Spirito sarà con voi, camminerà con voi, sosterrà il vostro cuore e le vostre gambe. Non dirà niente di nuovo. Prenderà quello che vi ho detto e ve lo dirà ancora con parole nuove così che anche voi possiate mettervi accanto a qualcuno e camminare con lo stesso passo e con lo stesso respiro. Perché tutti abbiamo bisogno di un Paraclito, di uno che è chiamato accanto a noi.

A cura dell’Azione cattolica italiana.


Fonte | Per gentile concessione dell’Editrice AVE

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 23 Maggio 2021 – don Giovanni Berti (don Gioba)
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 23 Maggio 2021 – Comunità Kairos