Vangelo del giorno – mercoledì 23 Maggio 2018 – Robert Cheaib

87

Giovanni, figlio del tuono, vorrebbe una sequela chiara e distinta. Lo fa per zelo, per amore. Ma Gesù, che è l’amore in persona, sa che per giungere a una sequela sine glossa, è inevitabile la maturazione.

Maturare è un processo in cui il Maestro deve per forza portare pazienza e supplire all’immaturità del discepolo con la maturità della sua pazienza e della sua fiducia. È quello che il Signore fa con ognuno di noi affinché giungiamo nel tempo alla piena maturità di Cristo.

Robert Cheaib (Fonte)

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

[amazon_link asins=’8862444885,886244558X,8892210408,8821590410,8861245757,8862444117,8830812498′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b466021f-aa57-11e7-bf85-755d341f56c5′]

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mc 9, 38-40
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Giovanni disse a Gesù: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva».
Ma Gesù disse: «Non glielo impedite, perché non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito possa parlare male di me: chi non è contro di noi è per noi».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.