Vangelo del giorno – martedì 9 ottobre 2018 – Robert Cheaib

59

Non per dare addosso alla povera Marta, senza la quale a casa Betania non si sarebbe mangiato, ma possiamo guardare in lei un paradigma molto simile alle nostre vite oggi.

La vita del multitasking che fatica a stare dietro a migliaia di impegni. I ricercatori mostrano gli effetti deleteri del multitasking sulla nostra attenzione e sul nostro temperamento (e il discorso, a quanto pare, vale per gli uomini e per le donne).

E in uno stato di frenesia così, diventa difficile alzare gli occhi al cielo e quando li alziamo, lo facciamo per chiedere o per lamentarci. Siamo fatti per essere presenti in quello che facciamo, con uno spirito contemplativo che deve accompagnare ogni impresa perché è brutto passare la vita a fare senza esserci.

Marta adesso contempla il volto del Signore. Inteceda per noi per questa intenzione.

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

[amazon_link asins=’8862444885,886244558X,8892210408,8821590410,8861245757,8862444117,8830812498′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b466021f-aa57-11e7-bf85-755d341f56c5′]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 10, 38-42
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò.
Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi.
Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.