Vangelo del giorno – giovedì 24 Maggio 2018 – P. Lorenzo Montecalvo

109

Negli ultimi due anni sto viaggiando molto e vengo ospitato e accolto da molte famiglie come servo di Dio. La loro ricompensa sarà grande. Dio ama chi ospita i suoi servi. Leggendo la Bibbia, vengo a conoscenza di molte famiglie che, ospitando i profeti, vengono benedetti con beni materiali e spirituali. Vedove che hanno in abbondanza olio e farina in quantità dopo aver ospitato un servo di Dio. Donne sterili che, come ricompensa, hanno avuto un figlio. Dio non si fa mai vincere in generosità. E tu, perché accogli il tuo parroco in casa? Lo accogli solo perché è simpatico? Se fosse così, non avrai nessuna ricompensa. Il prete dev’essere accolto in casa tua come servo di Dio. Guai al prete che, entrando nelle case, scandalizza gli abitanti con discorsi e comportamenti che non sono evangelici, pensando di essere moderno, affabile e simpatico.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Il prete è presenza di Gesù Cristo, perciò dalla sua bocca devono uscire parole di grazia e amore. Chi vede il prete possa vedere Cristo e chi ascolta il prete possa ascoltare Cristo.

Le parole di Cristo nel Vangelo di oggi sono dure. Egli dice senza mezzi termini: “Se qualcosa ti impedisce di amarmi, non esitare a disfartene per amore mio!”. Cosa oggi ti è di ostacolo nell’avere il tuo cuore totalmente nel cuore di Cristo? Il danaro? Se fosse così, quello che non ti serve dallo ai poveri. La droga? Prendi la tua porzione quotidiana e vai a gettarla nel contenitore dell’immondizia. L’alcool? Prendi la bottiglia di whisky e svuotala nel lavandino del bagno. Il tuo vestito scollato? Taglialo a pezzetti. Il tuo gesto dimostra di aver fatto una opzione fondamentale che è molto gradita al Signore.

Il Signore Gesù non è accomodante.
Oggi, dove lo Spirito mi spinge ad andare, ci sono alcuni che non sono d’accordo con quello che dico soprattutto quando insegno la morale cristiana sul matrimonio e sulla sessualità. Anche nella Chiesa è entrato il fumo nero che non fa vedere più l’immoralità dei rapporti prematrimoniali, omosessuali, del divorzio, dell’aborto, dell’inseminazione artificiale, dei contraccettivi e così via. Vieni, Spirito Santo, Spirito di Verità. Amen. Alleluia.

P. Lorenzo Montecalvo  (Fonte)

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mc 9, 41-50
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Chiunque vi darà da bere un bicchiere d’acqua nel mio nome perché siete di Cristo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa.
Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare.
Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile. E se il tuo piede ti è motivo di scandalo, taglialo: è meglio per te entrare nella vita con un piede solo, anziché con i due piedi essere gettato nella Geènna. E se il tuo occhio ti è motivo di scandalo, gettalo via: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, anziché con due occhi essere gettato nella Geènna, dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue.
Ognuno infatti sarà salato con il fuoco. Buona cosa è il sale; ma se il sale diventa insipido, con che cosa gli darete sapore? Abbiate sale in voi stessi e siate in pace gli uni con gli altri».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.