Vangelo del giorno – domenica 16 settembre 2018 – P. Lorenzo Montecalvo

26

A volte anch’io chiedo ai miei amici intimi: “Cosa dice la gente di me?”. Mi rispondono: “Alcuni dicono che sei superbo… altri dicono che sei vanitoso… altri ancora dicono che sei Savonarola e un ambizioso… infine altri dicono che sei un mistero”. In verità, ogni opinione su di me ha un raggio di verità. Poi chiedo ai miei amici intimi che sono pochissimi: “Voi cosa dite di me?”. Devo dire che, oltre a dirmi i lati negativi della mia personalità, mi rivelano anche ciò che di positivo c’è in me. Si sa che solo chi vive con noi arriva a conoscerci nell’intimità. Non bisogna dimenticare però che l’uomo è un grande mistero a se stesso e agli altri, soprattutto quando si chiude in se stesso e si rifiuta di rivelarsi.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Bene, anche a me e a te oggi Gesù pone la domanda: “La gente del mondo cosa dice di me?”. Ecco le opinioni del mondo: Alcuni dicono che Gesù è stato il primo comunista della storia dell’umanità…

altri dicono che è stato un grande psicologo… altri ancora un grande taumaturgo… altri infine un profeta di Dio.
Molto rattristato da quello che il mondo dice di Lui, Gesù ci chiede ancora: “E voi, che vivete nella mia Chiesa ascoltando la mia Parola, celebrando il mistero della mia morte e risurrezione, chi dite che io sia?”. Tutti noi rispondiamo prontamente dicendo: “Tu sei il Cristo, il Figlio di Dio che è morto e risorto per il perdono dei nostri peccati”.

Se questa è la nostra fede, perché allora viviamo di paure? Perché dubitiamo che il Signore è con noi? Perché mormoriamo contro il Signore nel tempo della prova? Perché, come Pietro, non vogliamo prendere la croce quotidiana nel testimoniare Cristo in mezzo a una folla infedele? Perché brighiamo per avere un ruolo nella vita sociale e politica, nella vita della parrocchia, negli uffici della Diocesi e dell’ordine religioso?

La nostra fede viene molte volte professata con le labbra, ma il cuore è lontano dal Signore. Conosciamo il Signore per sentito dire, ma non personalmente. Il Signore si fa conoscere intimamente solo da coloro che, con umiltà e mitezza, portano la croce quotidiana.

Amen. Alleluia

P. Lorenzo Montecalvo  (Fonte)

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 16 Settembre 2018 anche qui.

Tu sei il Cristo… Il Figlio dell’uomo deve molto soffrire.

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 8, 27-35
 
27Poi Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». 28Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elia e altri uno dei profeti». 29Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». 30E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno.
31E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva soffrire molto ed essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e, dopo tre giorni, risorgere. 32Faceva questo discorso apertamente. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo. 33Ma egli, voltatosi e guardando i suoi discepoli, rimproverò Pietro e disse: «Va’ dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini».
34Convocata la folla insieme ai suoi discepoli, disse loro: «Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. 35Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 16 – 22 Settembre 2018
  • Tempo Ordinario XXIV
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 4

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.