Vangelo del giorno – 28 ottobre 2017 – don Antonello Iapicca

70

CHIAMATI NELLA NOTTE IN CUI CRISTO HA VINTO LA MORTE PER ANNUNCIARE CON LA SUA FORZA IL PERDONO DEI PECCATI

Non siamo apostoli per la nostra volontà, per un desiderio, per quanto nobile sia. E’ Gesù che costituì, che fece i Dodici. E’ opera sua, come la nostra stessa vita è una sua opera che scaturisce dalla sua intimità con il Padre. Mette i brividi pensare al grande mistero della profonda intimità con Gesù alla quale e per la quale siamo stati chiamati. Essa giunge al punto di fare di noi degli alter Christus, degli altri Cristo, condividendo con Lui vita e missione. Gesù è sceso in missione sulla terra uscendo dall’intimità con il Padre per cercare e salvare la pecora perduta. Si è consumato nell’amore che lo ha gettato all’ultimo posto, il posto più lontano dal Padre, scavalcando in una corsa a ritroso, il peccatore più grande della storia. L’ultimo posto di Gesù perché nessuno resti escluso dalla salvezza. Nell’ultimo posto di Gesù vi è il nostro ultimo posto, quello dell’apostolo, quello che ci è riservato ogni giorno. E’ esattamente dove i fatti della nostra vita ci conducono che siamo inviati in missione. E’ nella difficoltà sul lavoro, in famiglia, dove e con chi sia, che siamo mandati ad essere Cristo stesso, a portare la salvezza, a caricarsi dei peccati del mondo, o meglio a lasciare che Cristo li carichi sulle sue spalle che ha preso in prestito da noi. E’ questa la chiamata che ci ha raggiunti, l’amore che consuma il male consumando la nostra vita, perché il mondo riceva la vita, quella vera che ci è data e che sovrabbonda in noi.

don Antonello Iapicca

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 6, 12-16
Dal Vangelo secondo  Luca

In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore.
Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedenteCard. Gianfranco Ravasi – Le avventure di due giovani innamorati
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 29 ottobre 2017 – don Marco Pozza