Vangelo del giorno – 27 novembre 2017 – Robert Cheaib

160

«Alzàti gli occhi». Questo gesto semplicissimo potrebbe passare inosservato, eppure l’evangelista non lo menziona a caso. Gesù non guarda soltanto, ma osserva e vede. Vede oltre i dati superficiali che un’occhiata sommario potrebbe captare.

Vede la ricchezza interiore della vedova che le permette di dare anche l’essenziale. Il Signore ci guarda. Questo sguardo ci dona la motivazione per donare noi stessi. Questo sguardo ci dona la ricompensa del nostro donare noi stessi, anzi, egli stesso è la nostra ricompensa.

Robert Cheaib (Fonte)

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

[amazon_link asins=’8862444885,886244558X,8892210408,8821590410,8861245757,8862444117,8830812498′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b466021f-aa57-11e7-bf85-755d341f56c5′]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 21, 1-4
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù, alzàti gli occhi, vide i ricchi che gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio.
Vide anche una vedova povera, che vi gettava due monetine, e disse: «In verità vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato più di tutti. Tutti costoro, infatti, hanno gettato come offerta parte del loro superfluo. Ella invece, nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.