Vangelo del giorno – 23 novembre 2017 – Robert Cheaib

175

 La prima cosa che probabilmente salta all’occhio in questo vangelo è il verdetto sulla distruzione di Gerusalemme. Trascuriamo così un dettaglio di una importanza stratosferica: Gesù che piange. Non piange su se stesso o sul suo imminente destino.

Piange su Gerusalemme, sull’amata umanità. Rimpiange il fatto che non ha riconosciuto la sua elezione e la sua benedizione. Bisogna riconoscere un nesso tra questo non riconoscimento e la distruzione. Non un nesso causale, come se il Signore portasse la distruzione. Ma nel senso che il non riconoscere la propria preziosità e la propria predilezione è portatore di smarrimento e di distruzione.

Quante volte nelle nostre giornate e scelte siamo come Gerusalemme!

Robert Cheaib (Fonte)

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

[amazon_link asins=’8862444885,886244558X,8892210408,8821590410,8861245757,8862444117,8830812498′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b466021f-aa57-11e7-bf85-755d341f56c5′]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 19, 41-44
Dal Vangelo secondo  Luca

In quel tempo, Gesù, quando fu vicino a Gerusalemme, alla vista della città pianse su di essa dicendo:
«Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi.
Per te verranno giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte; distruggeranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.