Il Vangelo del Giorno, 23 novembre 2015 – Lc 21, 1-4 con commento

414

Il testo ed il commento al Vangelo di oggi – Lc 21, 1-4, 23 novembre 2015, XXXIV Settimana del Tempo Ordinario – Anno I.

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

San Clemente I, Papa e Martire

  • Colore liturgico: rosso
  • Le letture del giorno: Dn 1, 1-6. 8-20; Sal da Dn 3; Lc 21, 1-4

Lc 21, 1-4
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù, alzàti gli occhi, vide i ricchi che gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio.
Vide anche una vedova povera, che vi gettava due monetine, e disse: «In verità vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato più di tutti. Tutti costoro, infatti, hanno gettato come offerta parte del loro superfluo. Ella invece, nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

[/box]

Commento al Vangelo di Lc 21, 1-4

(a cura di Paolo Curtaz)

Lc 21, 1-4

[ads2] La vedova offre a Dio il necessario che ha per vivere, non il superfluo. Così, in quest’ultima settimana dell’anno liturgico, in attesa del ritorno del Signore Gesù nella gloria, siamo invitati a dare tutto nella nostra vita, siamo chiamati ad evitare un atteggiamento minimalista, di rinuncia, di vivacchio, come troppo spesso accade nelle nostre (stanche) comunità che davvero non aspettano il ritorno dello sposo… La vedova sa bene che ciò che lei dona è minimo, irrisorio in confronto alle cospicue offerte che venivano versate al tesoro del Tempio, così come noi sappiamo che il nostro agire, nella logica del vangelo, il riconoscere nel fratello povero il volto di Dio, è poca cosa rispetto alla rabbia e alla violenza che ammorbano questo mondo, gesto che sembra inutile rispetto alla logica mondana del potere e del successo. Diamo del necessario, non del superfluo, non dedichiamo a Dio gli scampoli della settimana, i ritagli di tempo e di devozione, ma l’essenziale di ciò che viviamo: gioie, ansie, speranze, delusioni, persone, affetti… Come il ragazzo davanti alla sfolla sterminata che offre una merenda che servirà alla moltiplicazione dei pani e dei pesci, come il lievito che fa fermentare la pasta, ai discepoli che aspettano il ritorno del Rabbì è chiesta l’incoscienza e l’ardire del dono, la profezia della speranza. Il tempo della Chiesa, in attesa del ritorno del Signore Gesù, è il tempo in cui i discepoli cercano di imitare il Maestro in tutto, con semplicità e generosità, gettando nel Tempio, là dove Dio abita, e nel tesoro del Tempio, cioè nella parte più luminosa e preziosa, ció che ciascuno ha di necessario anche se all’apparenza è piccola cosa, come gli spiccioli della vedova. Anche la Chiesa, vedova senza lo sposo, in attesa del suo ritorno compie, nella quotidianità, quei gesti che ne avvicinano il Regno, che ne compiono la presenza, che ne profetizzano la vicinanza… Viviamo questa giornata nel dono di noi stessi, del nostro sorriso, della nostra serenità, certi che Dio sorride benevolo nel vedere i suoi figli sfidarlo a gare di generosità. Buona ultima settimana: orientati alla regalità di Cristo, spargiamo semi di Regno di Dio nei nostri stressati luoghi di lavoro, sorrisi pieni di speranza ai fratelli sconosciuti che stiamo per incontrare per strada. Gesti inutili? Piccole cose? Devozioni démodé. Lasciate fare a Dio il suo mestiere, please…

Come la vedova della parabola, anche noi oggi gettiamo la nostra giornata nel tuo cuore, tesoro prezioso, Signore Gesù, perché tu apprezzi i figli che imitano la tua generosità, Signore Re della nostra vita.

Articolo precedenteEnzo Bianchi – La famiglia dopo il sinodo
Articolo successivoAlessandro Barban: la misericordia via luminosa per giungere a Dio