Il Vangelo del Giorno, 23 gennaio 2016 – Mc 3, 20-21

266

Il testo ed il commento al Vangelo del 23 gennaio 2016 – Mc 3, 20-21,  Tempo Ordinario – Anno II, Seconda  settimana del Tempo Ordinario.

Santo del giorno: Sant’Ildefonso

Dal Martirologio

A Toledo in Spagna, sant’Ildefonso, vescovo, che, monaco e priore di un cenobio, fu eletto all’episcopato, scrisse numerosi libri con stile assai raffinato, compose celebri preghiere liturgiche e venerò con mirabile zelo e devozione la beata e sempre Vergine Maria Madre di Dio.

Altri Santi del giorno: Santa Emerenziana, martire.

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

[two_fifth]

  • Colore liturgico: rosso
  • Le letture del giorno: 2 Sam 1,1-4.11-12.17.19.23-27; Sal 79; Mc 3, 20-21

Mc 3, 20-21
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù entrò in una casa e di nuovo si radunò una folla, tanto che non potevano neppure mangiare.
Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: «È fuori di sé».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

[/two_fifth]

[three_fifth_last]

Papa Francesco – Il nome di Dio è Misericordia

[/three_fifth_last]

[/box]

Commenti al Vangelo di Mc 3, 20-21

Marco-3-20-21 

Commento dei giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire

[ads2]«È fuori di sé».
Noi, esseri umani, ordinariamente stiamo tutti molto attenti per comprendere e definire al meglio i contorni della normalità e cerchiamo di conformarci ad essi per essere felicemente annoverati nella schiera dei cosiddetti “normali”. Ci siamo dotati perciò di norme e di paràmetri sempre più precisi perché fossimo universalmente accolti. Nonostante ciò sono frequenti i casi in cui si confondono i giudizi e si stravolgono i valori. È capitato e càpita spesso di confondere lo zelo per le cose di Dio, il fervore che spinge fino all’eroismo, l’amore che diventa dono totale di sé all’altro, con la pazzia. Tra l’altro i primi accusatori e i malpensanti provengono spesso dai parenti e dagli amici o dai confratelli. Le vite dei Santi sono cosparse di episodi, nei quali emerge questo grossolano errore di ritenere alienati mentali persone che invece vivevano l’eroismo della santità. Ricordiamo figure eccelse come San Giovanni Bosco e, più vicino a noi, il San Padre Pio e tantissimi altri. Prima di loro è rimasto vittima di simili pregiudizi lo stesso Signore Gesù. Attorniato dalla folla, bramosa di ascoltarlo, sia Lui che gli astanti dimenticano di soddisfare anche le necessità più urgenti: «non potevano neppure mangiare». Da ciò la facile deduzione dei discepoli, che escono per andare a prenderlo, perché dicevano: «È fuori di sé». Soltanto chi è pervaso dallo stesso zelo, e animato dalle stesse convinzioni, nutre la stessa ansia di bene, può comprendere certe scelte e certi comportamenti. La pazzia del Cristo troverà il suo pieno compimento nella morte volontaria sul patibolo della croce, dopo aver annunziato un parametro di giudizio davvero sconvolgente: «Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici».

Articolo precedenteIl tweet di Papa Francesco del 22 gennaio 2016 – Perdono e Misericordia
Articolo successivoCommento al Vangelo del 24 gennaio 2016 – Antonio Riboldi – Vescovo