Vangelo del giorno – 21 ottobre 2017 – Robert Cheaib

175

 Parlando dell’opera dello Spirito, una persona mi disse una volta: «Sarebbe bello sentire sempre lo Spirito». Non per fare lo splendido, ma perché ci credo davvero, le replicai: «Ancora più bello e importante consentire all’opera dello Spirito».

Lo Spirito di Dio opera sempre, vorrebbe fecondare ogni nostra parola, ogni nostra azione. Non ha bisogno di essere convinto di venire da noi con l’invocazione, è presente dappertutto e riempie tutto. Se lo invochiamo, è per fare spazio a questa pienezza, affinché in ogni cosa che diciamo e facciamo non ci sia più un sentimento che appassisce, ma un incontro che non passa mai.

Vieni Spirito Santo.

Robert Cheaib (Fonte)

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

[amazon_link asins=’8862444885,886244558X,8892210408,8821590410,8861245757,8862444117,8830812498′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b466021f-aa57-11e7-bf85-755d341f56c5′]

Lc 12, 8-12
Dal Vangelo secondo  Luca

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Io vi dico: chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anche il Figlio dell’uomo lo riconoscerà davanti agli angeli di Dio; ma chi mi rinnegherà davanti agli uomini, sarà rinnegato davanti agli angeli di Dio.
Chiunque parlerà contro il Figlio dell’uomo, gli sarà perdonato; ma a chi bestemmierà lo Spirito Santo, non sarà perdonato.
Quando vi porteranno davanti alle sinagoghe, ai magistrati e alle autorità, non preoccupatevi di come o di che cosa discolparvi, o di che cosa dire, perché lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedenteIl Vangelo del Giorno, 22 ottobre 2017 – Mt 22, 15-21
Articolo successivoCommento al Vangelo del 21 ottobre 2017 – Monastero di Bose