Vangelo del Giorno – 21 ottobre 2017 – don Luigi Epicoco

98

Tutto può esserci perdonato, ma bestemmiare l’Amore no. Dio è categorico: tutto può avere una seconda opportunità, ma maltrattare l’Amore no. Perchè l’Amore è l’essenza stessa di Dio, il Suo vero sapore. Disprezzare l’Amore è l’opera più diabolica che possiamo attuare dentro la nostra vita.

Gesù si lascia maltrattare, si offre come capro espiatorio alle nostre pazzie, ai nostri deliri, ai nostri peccati. Ma se ci spingiamo più oltre di Lui allora ciò per noi diventa irreversibile. Possiamo anche fare a meno della fede in questa vita, e ciò ci può essere perdonato, ma fare a meno dell’Amore no.

Se facciamo a meno dell’Amore diventiamo imperdonabili. L’inferno è l’assenza elevata ad eternità dell’Amore.

don Luigi Epicoco su Facebook

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 12, 8-12
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Io vi dico: chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anche il Figlio dell’uomo lo riconoscerà davanti agli angeli di Dio; ma chi mi rinnegherà davanti agli uomini, sarà rinnegato davanti agli angeli di Dio.
Chiunque parlerà contro il Figlio dell’uomo, gli sarà perdonato; ma a chi bestemmierà lo Spirito Santo, non sarà perdonato.
Quando vi porteranno davanti alle sinagoghe, ai magistrati e alle autorità, non preoccupatevi di come o di che cosa discolparvi, o di che cosa dire, perché lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 21 ottobre 2017 – Monastero di Bose
Articolo successivoIl linguaggio veritiero e semplice di Gesù