Vangelo del giorno – 2 novembre 2017 – Robert Cheaib

126

 «E questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma che lo risusciti nell’ultimo giorno» .

Qual è la parte difficile di questa volontà di Dio? È forse la risurrezione dei morti? Sicuramente no! Colui, infatti, che ha suscitato la vita dal nulla, non può forse risuscitare a vita chi è morto? Il vero problema della risurrezione dei morti è sfuggire a Cristo, sfuggire alla Vita vera.

Lì l’onnipotenza di Dio si ferma rispettosa dinanzi alla sacralità della libertà umana. Preghiamo per i nostri defunti nella speranza che le loro vite siano state trovate aperte all’autodonazione di Dio perché in Cristo abbiamo una certa speranza: «Colui che viene a me, io non lo caccerò fuori».

Robert Cheaib (Fonte)

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

[amazon_link asins=’8862444885,886244558X,8892210408,8821590410,8861245757,8862444117,8830812498′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b466021f-aa57-11e7-bf85-755d341f56c5′]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Gv 6, 37-40
Dal Vangelo secondo  Giovanni

In quel tempo, Gesù disse alla folla:
«Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, io non lo caccerò fuori, perché sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato.
E questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma che lo risusciti nell’ultimo giorno.
Questa infatti è la volontà del Padre mio: che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.