Vangelo del giorno – 13 ottobre 2017 – don Antonello Iapicca

149

IL COMBATTIMENTO DI GESU’ CHE CI DONA LA LIBERTA’ AUTENTICA

L’amore del Signore, il suo zelo per ogni aspetto della nostra vita, lo conduce a ingaggiare quotidianamente una lotta feroce con il demonio che vuole la nostra infelicità. E’ Lui l’uomo più forte dell’uomo forte, a cui strappa l’armatura nella quale confida. Preda degli inganni del demonio siamo pieni di armature nelle quali riponiamo le nostre certezze, amuleti ai quali chiediamo di distruggere la nostra paura di morire e di restare soli. Menzogne, come la stima comprata a caro prezzo, il prestigio frutto di amari compromessi, l’affetto per il quale abbiamo dismesso perfino la nostra identità di padri e madri, mariti e mogli, forse anche di pastori…

Gesù sa che tutto ciò ci rende più deboli e vulnerabili, e siccome ci ama e sa in quali trappole cadiamo, ci strappa di dosso le tante armature. A volte a forza, e che sofferenza, è come se ci strappassero via la pelle, tanto si è incollata a noi l’ipocrisia, E’ la Croce, che non è solo l’apparenza di dolore, la buccia amara di qualcosa che ci va storto, di aver perso un’occasione o un affetto, di un amico che ci ha tradito, della salute che se n’è andata, del figlio che si è rivolto contro di noi. No, dietro a tutto questo vi è il puro, autentico e serissimo amore di Dio.

Se guardiamo bene, ci accorgeremo che in quello che proprio ora stiamo vivendo vi è Lui, geloso della nostra felicità, Lui che ci ha appena strappato di dosso una menzogna…. Il dito di Dio – il suo Figlio diletto che cerca Adamo per ricrearlo e ricondurlo al Paradiso perduto – che ci ha raggiunti e liberati, per fare della nostra “casa” un frammento di Paradiso, “spazzata” e “adorna” dove vivere in intimità con Lui. E ciò implica un combattimento per difendere la sua presenza in noi, per non contristare lo Spirito Santo e noI lasciare la casa disadorna, senza difese. Ora si comprendono le parole della preghiera insegnata da Gesù: “non ci indurre in tentazione”: non lasciare che, nella prova, io riapra le porte al maligno. Che è un’altra forma di dire: non permettere che indurisca il cuore al punto che devi spingermi nel fuoco della tentazione per destarmi e implorare aiuto. Insegnami ad innamorandomi di te ogni giorno di più, aprendo gli occhi sul tesoro che è il tuo amore in me.

Aiutami ad essere fedele e costante nella preghiera, ad accostarmi ai sacramenti, ruminando la Parola giorno e notte, porgendo l’orecchio e il cuore alla predicazione, digiunando e facendo elemosine; solo così potremo disporre tutto intorno e all’interno della casa i “sensori” dell’allarme capace di destarci e mettere in fuga i “sette demoni” più forti di quello che il Signore ha scacciato dalla nostra vita. Perché il nostro cuore non è può restare vuoto: o c’è Cristo o il demonio, o Dio o mammona… Lo abbiamo sperimentato quando abbiamo abbassato la guardia, tralasciando la preghiera, i sacramenti e l’ascolto della Parola di Dio, e il demonio si è fatto di nuovo sotto, camuffato in un evento di dolore, o travestito dalla persona più cara che si è messa a farci la guerra.

E infatti geloso di noi, e ha nostalgia della nostra casa, perché perderci significa per lui l’ennesima sconfitta, indigeribile all’angelo della superbia. Non può perdere l’anima di un cristiano, alla quale è legata la salvezza di tante persone… Per questo, il cristiano non si installa mai, perché sa che lo aspetta ogni giorno una battaglia più dura, sino all’ultima, all’agonia, la più feroce. Ma sa anche che il combattimento è proprio il luogo dell’intimità più prossima a Cristo, dove è Lui a vivere nella propria carne, e lottare con il demonio. Coraggio, perché ad ogni conflitto è garantito un riposo nel cuore di Gesù, anticipo di quello eterno che ci attende nella “casa” del Padre, dove non vi saranno più demoni ad insidiarci la felicità.

don Antonello Iapicca

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 11, 15-26
Dal Vangelo secondo  Luca

In quel tempo, [dopo che Gesù ebbe scacciato un demonio,] alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo.
Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. Ora, se anche Satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio.
Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino.
Chi non è con me, è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde.
Quando lo spirito impuro esce dall’uomo, si aggira per luoghi deserti cercando sollievo e, non trovandone, dice: “Ritornerò nella mia casa, da cui sono uscito”. Venuto, la trova spazzata e adorna. Allora va, prende altri sette spiriti peggiori di lui, vi entrano e vi prendono dimora. E l’ultima condizione di quell’uomo diventa peggiore della prima».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedenteVangelo del Giorno – 13 ottobre 2017 – don Luigi Epicoco
Articolo successivoCatechismo della Chiesa cattolica – a cura di Rino Fisichella