Pubblicità
Home / Vangelo del Giorno / Vangelo del giorno – 12 Marzo 2018 – Robert Cheaib

Vangelo del giorno – 12 Marzo 2018 – Robert Cheaib

È uno di quei vangeli curiosi il vangelo di oggi. Non si capisce facilmente la risposta di Gesù alla richiesta dell’uomo che chiede la guarigione del proprio figlio. «Se non vedete segni e prodigi, voi non credete».

Non si capisce, finché non si coglie la risposta del padre che sposta il baricentro della scommessa dal versante della poca fede al versante del molto amore per il proprio figlio.

La domanda di Gesù, allora, sembra fatta apposta per provocare questa preghiera ostinata motivata dall’amore. Cosa motiva le nostre suppliche? La mancanza di fede? O la ricchezza dell’amore?

Robert Cheaib (Fonte)

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Gv 4, 43-54
Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù partì [dalla Samarìa] per la Galilea. Gesù stesso infatti aveva dichiarato che un profeta non riceve onore nella propria patria. Quando dunque giunse in Galilea, i Galilei lo accolsero, perché avevano visto tutto quello che aveva fatto a Gerusalemme, durante la festa; anch’essi infatti erano andati alla festa.
Andò dunque di nuovo a Cana di Galilea, dove aveva cambiato l’acqua in vino. Vi era un funzionario del re, che aveva un figlio malato a Cafàrnao. Costui, udito che Gesù era venuto dalla Giudea in Galilea, si recò da lui e gli chiedeva di scendere a guarire suo figlio, perché stava per morire.
Gesù gli disse: «Se non vedete segni e prodigi, voi non credete». Il funzionario del re gli disse: «Signore, scendi prima che il mio bambino muoia». Gesù gli rispose: «Va’, tuo figlio vive». Quell’uomo credette alla parola che Gesù gli aveva detto e si mise in cammino.
Proprio mentre scendeva, gli vennero incontro i suoi servi a dirgli: «Tuo figlio vive!». Volle sapere da loro a che ora avesse cominciato a star meglio. Gli dissero: «Ieri, un’ora dopo mezzogiorno, la febbre lo ha lasciato». Il padre riconobbe che proprio a quell’ora Gesù gli aveva detto: «Tuo figlio vive», e credette lui con tutta la sua famiglia.
Questo fu il secondo segno, che Gesù fece quando tornò dalla Giudea in Galilea.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Check Also

don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 11 Dicembre 2018

Commento al Vangelo del giorno, 11 Dicembre della Prima settimana di Avvento (Anno C) A …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.