Vangelo del giorno – 10 novembre 2017 – Robert Cheaib

202

 A che cosa ci invita Gesù con la parabola dell’amministratore disonesto? Alla disonestà? Assolutamente no. È fuori da ogni logica e lontano da ogni insegnamento del Maestro. A cosa allora? Con la tipicità del genere parabolico e con il suo stile iperbolico, Gesù ci invita ad essere scaltri

. A sapere cogliere le dinamiche interne delle cose. In questo caso, della vita spirituale. Anche noi sperperiamo le ricchezze del nostro Padrone, ovvero i carismi e le stesse vite che ci ha dato. Ma abbiamo un modo per pareggiare sprecando tempo, attenzione e soldi per gli altri. La carità ci inserisce nel tempo di Dio, nell’eternità, e ci permette di recuperare il tempo perduto e i doni sperperati.

Robert Cheaib (Fonte)

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

[amazon_link asins=’8862444885,886244558X,8892210408,8821590410,8861245757,8862444117,8830812498′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b466021f-aa57-11e7-bf85-755d341f56c5′]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 16, 1-8
Dal Vangelo secondo  Luca

In quel tempo, Gesù diceva ai discepoli:
«Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Lo chiamò e gli disse: “Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare”.
L’amministratore disse tra sé: “Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua”.
Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: “Tu quanto devi al mio padrone?”. Quello rispose: “Cento barili d’olio”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta”. Poi disse a un altro: “Tu quanto devi?”. Rispose: “Cento misure di grano”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta”.
Il padrone lodò quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.