Tomás Trigo – Commento al Vangelo del 30 Agosto 2021

61

Per secoli Israele ha aspettato il Messia che avrebbe liberato il popolo dalle sue afflizioni. E ora, nella sinagoga di Nazaret, quell’uomo che tutti conoscono, Gesù, l’artigiano, il figlio di Giuseppe e Maria, afferma che questa profezia si è compiuta.

Gesù viene a “evangelizzare”, a dare la buona notizia che Dio ha avuto misericordia degli uomini, notizia che viene accolta con gioia dai “poveri”, cioè da coloro che non confidano nei propri beni e meriti, ma nella bontà e misericordia di Dio.

Egli viene a liberarci dalla schiavitù del peccato e dalla morte eterna, alla quale il diavolo ci aveva sottomessi; ad aprire i nostri occhi ciechi perché possiamo conoscere la verità; a darci un cuore pulito, con cui amare Dio e gli altri.

Egli viene a proclamare “l’anno di grazia del Signore”, il tempo della misericordia e della redenzione, che egli inaugura e che durerà fino alla fine del mondo.

Gli abitanti di Nazaret hanno davanti agli occhi il salvatore annunciato e atteso da tanto tempo, ma non ci credono del tutto. Chiedono che il loro concittadino confermi le loro parole facendo qualche miracolo meraviglioso come aveva fatto in altre città vicine, ma Gesù non acconsente alla loro richiesta.

Allora sono pieni di rabbia, si alzano, lo buttano fuori e cercano di buttarlo giù dalla rupe.

Oggi siamo noi a ricevere questa grande notizia: Dio ci ama così tanto che ha mandato il suo Figlio unigenito per redimerci, per salvarci dal peccato. Ci ha dato la possibilità di diventare figli di Dio per grazia. Ha aperto le porte del cielo per noi.

Forse abbiamo sentito questo annuncio molte volte e pensiamo che, se vedessimo qualche miracolo, qualche segno straordinario, prenderemmo più seriamente la buona notizia, “il vangelo”, e trasformeremmo la nostra vita in ringraziamento a Dio, in servizio al prossimo, facendo conoscere agli altri, al mondo intero, la fede cristiana, il segreto della felicità in cielo e in terra.

Lo Spirito Santo, che ha unto Gesù, desidera darci il fuoco del suo amore. Non abbiamo bisogno di un nuovo miracolo. Basta che apriamo il nostro cuore in umiltà perché Lui ci trasformi con la sua grazia.

Tomás Trigo


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteSuor Daniela Maccari – Commento al Vangelo del 30 Agosto 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 30 Agosto 2021