Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 9 Novembre 2021

40

Oggi la chiesa è in festa x la cattedrale di Roma, s. Giovanni in Laterano, madre di tutte le chiese di rito romano del mondo. E il vangelo ci parla di un tempio profanato dagli uomini del tempo di Gesù, perché non più luogo di preghiera ma di mercato, interessi,falsità, ostentazione.

Gesù reagisce in modo violento a tanto scempio, introducendo il concetto che il vero tempio è la persona. Noi battezzati siamo tempio del Signore, sua dimora perché il suo Spirito ci abita. Quanto ne siamo consapevoli? Il nostro corpo è la nostra persona. E questo corpo risorgerà se avrà riconosciuto la presenza del Signore in se stesso.

Siamo figli della resurrezione, onoriamo questa identità ed eredità rendendo viva la presenza del risorto in noi. Ascoltiamolo, parliamogli, facciamogli compagnia…amiamolo con  tutto noi stessi. Non mercanteggiamo né con Lui, né con il mondo. Noi risorgeremo.

Quanto percepisco questa verità dentro di me? Come mi prendo cura della mia persona in tutte le sue dimensioni? Perché la dimensione spirituale è la più trascurata nella maggioranza delle persone e dei battezzati? E la mia?


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 9 Novembre 2021
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 9 Novembre 2021