Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 9 Luglio 2021

29

Continua il discorso missionario di Gesù ai suoi discepoli e dopo averne tracciato lo stile, adesso Gesù li mette in guardia contro i pericoli che troveranno nell’ annunciare il regno, nel portare a tutti l’amore misericordioso del Padre. Avranno sicuramente difficoltà, anche persecuzione… perché il regno di Dio non è non ha accoglienza facile in questo mondo.

Ma non devono aver paura perché avranno sempre con loro l’assistenza dello Spirito Santo: è lui l’artefice della loro missione, quello stesso spirito che sarà loro scudo. E questo testo ci fa capire che il cristiano, l’evangelizzatore, il missionario, non è uno stupido,  un semplici otto… è una persona che sa quello che fa, una persona che assume i rischi della sua missione, è una una persona che confida nelle armi spirituali che lo Spirito Santo gli dona, una persona che sa che va in guerra ee prende tutte le precauzioni possibili.

Ma sa che questa guerra è già vinta per opera del Risorto che lo abita. La sua coerenza di vita gli porterà divisione, rifiuto anche tra le persone più care, ma non si scoraggia perché sa che la sua perseveranza lo salverà.

Questa pagina ci aiuta a riscoprire il senso della perseveranza nella nostra testimonianza di Fede contro venti e maree: noi sappiamo che il Signore è dalla nostra parte, sappiamo che egli combatte per noi e questo ci dona Pace e Sapienza che sono le doti essenziali per combattere la buona battaglia della fede e per vincerla.

Riscopriamo la virtù della prudenza che è una virtù morale che ci insegna come agire secondo Dio in ogni circostanza e la virtù della semplicità che ci fa essere come Dio, il semplice. Il mondo è complicato senza Dio. Il cristiano lo rende semplice. Cioè a immagine di Dio.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedentedon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 8 Luglio 2021
Articolo successivoMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 9 Luglio 2021