Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 8 Gennaio 2022

48

Con Dio e grazie a Lui si mangia a sazietà. È un mangiare diverso. Il cibo è l’amore di Dio che ci viene dato a sazietà. È vero, il suo amore sazia la nostra fame. Non abbiamo bisogno di nulla più. E Dio lo fa personalmente, entrando nel cuore e prendendone dimora, ma lo attraverso gli altri. Ognuno può dare all’altro la misura di amore che ha nel cuore.

E l’amore di ciascuno e di tutti, sazia. Il cuore è affamato solo di amore. Nulla lo può saziare. Oggi vedo nel mio cuore la misura di amore da donare a chi mi sta accanto. Il mio poco arricchirà l’altro. E così qualcun’altro mi saziera’ con il suo Amore. Tuttavia per donare me stesso agli altri devo essere mosso a compassione. Come Gesù.

È la compassione, cioè il patire con, il condividere la sofferenza degli altri che mi spinge ad amare. Senza compassione non c’è Amore ma filantropia. Cosa ben diversa dal Vangelo che è intriso di compassione. Chi mi muove a compassione oggi, in questo momento preciso della mia vita?

Come farmi vicino e donargli ciò che sono e ciò che ho?


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 8 Gennaio 2022
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 8 Gennaio 2022