Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 7 Settembre 2020

78

È lecito fare del bene o fare del male salvare una vita o sopprimerla? Questa duplice domanda Gesù oggi la rivolgi a te, a me, che stiamo ascoltando la sua Parola.

È lecito, cioè si può fare del bene, si può fare del male? che cosa è corretto salvare la vita di qualcuno o sopprimerla? come rispondiamo a queste domande di fronte a delle leggi che noi stessi partoriamo che sono eticamente scorrette perché partono dall’idea di sopprimere la vita e non di far crescere la vita… ovunque ci dobbiamo porre questa domanda in qualsiasi azione: ma è lecito, lo devo fare questo per il bene mio e dell’altro? Anche se so che procura del male a me o all’altro?

Qual è il discrimine che ci fa decidere per un’azione? È sempre l’amore. Quando tu ami sei orientato al bene dell’altro e alla vita dell’altro, a custodire la vita, far crescere la vita, a consolare la vita, a lenire le ferite della vita dell’altro… quando non ami sei orientato al male, a fare del male all’altro, a sopprimere l’altro, a calunniare l’altro, invidiare l’altro… Il Signore oggi conceda di guardare alle nostre zone aride cominciando dal cuore e poi dagli occhi fino alle mani ai piedi: tutte quelle zone che sono rinsecchite dove non c’è vita e che non danno vita.

Un cuore che non sa amare è un cuore arido, occhi che non sanno guardare al di dentro ma solo osservare dal di fuori come questi Farisei sono occhi aridi, occhi che servono solo per giudicare e condannare… mani che non sanno lenire, che non sanno accarezzare, che non sanno ridare vita, sono mani che servono per possedere e distruggere gli altri, il Creato, a volte se stessi.

Chiediamo oggi al Signore   la grazia di saltare ogni steccato, ogni schema mentale, legge, norma che ci siamo imposti o che ci inpondono quando questi non sono conformi all’amore e alla vita.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade