Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 7 Ottobre 2020

92

Il desiderio di pregare molto spesso viene quando qualcuno ci affascina con il suo modo di pregare. Non è facile pregare o imparare a pregare perché un’azione,  dono dello Spirito. Ma quando lo Spirito tocca il cuore e ci mette in relazione con il Padre ( perché questa è la vera preghiera), allora molto spesso abbiamo bisogno di esempi, di icone da osservare, da imitare, da ammirare.. i santi sono fari di luce che ci insegnano a pregare alla scuola del maestro della preghiera che Gesù.

La preghiera per eccellenza di Gesù ci viene regalata da questa pagina oggi del Vangelo, ed è una preghiera che riassume il rapporto filiale tra Gesù e il  Padre. Questa è la preghiera del cristiano: un rapporto filiale tra noi e il Padre per mezzo di GESÙ. Non sono parole balbettare, non sono devozioni strascicate… la preghiera è un incontro che può avvenire in in qualsiasi ora della giornata, un incontro che si può protrarre per ore, ma può bastare anche un minuto  per poter parlare con il nostro Dio e ascoltarlo per poterci lasciar toccare da lui proprio come si fa con un amico, con una persona cara: parlare ascoltare lasciarsi toccare, gioire insieme lasciarsi consolare, sentire la presenza dell’altro che ci tira fuori dalla nostra solitudine.

La preghiera è un balsamo di vita, non ci sono tecniche per saper pregare. Certamente ci vogliono delle condizioni: la prima condizione è il silenzio e la seconda è solitudine. Così la preghiera diventa una sorgente che sgorga dal cuore ed è piena di creatività perché dettata appunto dallo Spirito di Gesù.  Il suo Spirito  prega in noi il Padre e la preghiera ci rende potenti come Dio. Diceva San Vincenzo de’ Paoli: Datemi un uomo di preghiera e questi solleverà il mondo intero! Sì la preghiera ci rende potenti nell’amore, nella Misericordia… la preghiera ci rende figli, tutti fratelli di uno stesso Padre. Impareremo a pregare come hanno desiderato i discepoli, solo quando ci renderemo conto che siamo tutti fratelli, figli di uno stesso Padre, tutti degni dello stesso amore e ameremo tutti alla maniera di Gesù.

Chiediamo al Signore il dono di saper pregare così.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade