Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 6 Maggio 2022

65

- Pubblicità -

Ancora un insegnamento di Gesù sul pane di vita che è Egli stesso. I farisei e teologi del tempo non capiscono nulla del suo discorso. Come può darsi in pasto a noi? Con la ragione non ci arriviamo. Solo nella fede si può comprendere il Mistero di un Dio che decide di rimanere nel mondo sotto le specie del pane per essere nostro cibo, quindi per darci la sua vita. La vita di Dio è in noi attraverso l’Eucaristia.

DIO in noi! Chi non si nutre di Lui non lo conosce e non dimora in Lui. Offriamo una casa al  Signore ogni volta che lo riceviamo in noi o lo adoriamo.
Chi si nutre di Gesù vive grazie a Lui, alla sua presenza interiore. Diventa UNO con il Signore. Forse non ci riflettiamo molto su queste verità di fede… Perché anche l’Eucaristia è un’abitudine per molti credenti. Invece è il “collante” con Dio. Dio in me ed io in Lui. Questa è l’Eucaristia.

Oggi voglio riflettere sulla dimora che io posso essere per il Signore… Che è un  “senza fissa dimora”. Abita nei cuori di chi lo accoglie.
Tutti siamo chiamati a riceverlo e ad accoglierlo. Prendete e mangiatene TUTTI… Questo ascoltiamo durante la celebrazione eucaristica. TUTTI. Perché Egli è morto e risorto per tutti.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedentela Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 6 Maggio 2022
Articolo successivoPaolo de Martino – Commento al Vangelo del 8 Maggio 2022