Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 5 Maggio 2022

51

- Pubblicità -

Continua il discorso sul pane di vita. Gesù è queso cibo. Se non vogliamo morire dobbiamo mangiare di lui. Ma per nutrirci dibbiamo innanzitutto ascoltare la sua Parola. Attraverso di essa il Padre ci attira al Figlio.

Non è poesia, neanche ideologia che stacca la fede dalla prassi… E porta alla religione. Gesù non ha istituito alcuna religione. In nome delle religioni si sono fatte infatti le guerre. E ancora oggi assistitiamo ad una guerra intrisa di religione. La fede INVECE ci porta ad ASCOLTARE DIO SEMPRE. Chi non ascolta Dio è solo una persona religiosa che si nutre di culto e ideologia. E sono le persone più pericolose.
Il Padre ci istruisce tramite la Parola donata al Figlio. Lasciamoci educare da Dio per comprendere l’amore e metterlo in pratica.

Come ascolto la Parola? È per me cibo quotidiano? Quanto trasmetto la Parola perché anche altri possano sfamarsi?
Vedete come siamo lontani da questa pagina di vangelo con le nostre ripetute devozioni staccate dal vangelo?…. E continuiamo a salire e scendere statue dal baldacchino!!!


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedenteNuove povertà e nuovi poveri: le Caritas di Sicilia accanto agli ultimi
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 5 Maggio 2022