Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 4 Maggio 2020

37

Gesù si identifica con il pastore buono, bello, di una bellezza che non è terrena è una bellezza Divina: è la bellezza originaria dell’amore. È il pastore che sa amare ed è pastore perché ama e questo amore è lo stesso che intercorre tra Gesù e il Padre.

Lo stesso amore tra Gesù e noi. È un amore che fa esperienza di ciascuno di noi ed è proprio in questa esperienza che l’amore si dona e si dona liberamente. Gesù dice: Io do la mia vita liberamente per ciascuno di voi. la do liberamente per te ogni giorno perché io non ho altro interesse che amarti e farti rientrare in quella Bellezza originaria in cui io Sono.

Oggi voglio riflettere su Gesù il mio pastore bellissimo, la mia guida straordinaria, colui che mi ricrea ogni giorno. Gesù come mia sicurezza, mio rifugio, mia ragione di vita, e chiedo al Signore di darmi un cuore grande per accogliere dentro di me coloro che sono diversi da me, coloro che vivono altre liturgie di vita, coloro che percorrono altri sentieri di senso e forse anche di felicità: siamo tutti fratelli. Gesù ha dato la vita per tutti.

Oggi voglio sperimentare e pensare a questa grande fratellanza. Anche io sono chiamato a dare la vita come Gesù nell’amore, per ogni fratello che incontro. Chiedo a Gesù la grazia di essere LIBERO nell’amore sganciato da ogni pregiudizio, paura, limite.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 


Articolo precedenteCommento al Vangelo del 4 Maggio 2020 – p. Ermes Ronchi
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 4 Maggio 2020