Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 4 Giugno 2022

74

- Pubblicità -

Termina così il vangelo di Giovanni. Pietro e Gesù che si incamminano nella storia… Gesù e la sua chiesa. E l’ultima parola di Gesù è :seguimi. Egli risponde all’interrogativo di Pietro circa il destino di Giovanni. Perché a Pietro interessa Giovanni?

Forse perché è il più giovane ed ha una vita davanti, o forse per un po’ di gelosia perché sa che Gesù ama molto quel ragazzo così amabile… Fatto sta che Gesù gli da una bella risposta. Tu pensa a te, perché a lui ci penso io! È la risposta che ancora oggi Gesù ci dà quando invece di pensare alla nostra santità pensiamo a quella degli altri, o volendola imitare o essendone invidiosi.

Ognuno ha la sua strada verso la santità. Dobbiamo solo cercare di scoprirla e percorrerla da soli con Gesù. E chi lo fa diventa testimone di Gesù. Il testimone racconta ciò che ha visto. In questo caso racconta ciò che ha visto fare da Gesù e non dagli altri. A volte vogliamo essere testimoni della vita degli altri e non di quella di Gesù. La storia della chiesa continua in tutti i discepoli testimoni di Gesù. Oggi mi chiedo quante volte mi impiccio della vita e santità degli altri…

Magari volendo o pretendendo che gli altri si comportino come me nel loro cammino di fede. Chiedo allo Spirito di illuminarmi sul mio percorso di sequela. Agli altri ci pensa Gesù.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedenteGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 3 Giugno 2022
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 4 Giugno 2022