Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 3 Luglio 2020

141

Oggi la liturgia ci fa celebrare la festa di S. Tommaso, detto Didimo, gemello, forse perché ci appartiene un po’. Vuole vedere, toccare i segni della resurrezione e Gesù lo accontenta.

Se noi abbiamo lo stesso desiderio di toccare il Risorto, Gesù ci accontenterà. La grandezza di una persona si misura dalla capacità ci credete a ciò che non vede. La fede è certezza delle cose che non si vedono, dice Paolo. È facile credere a ciò che vediamo… Ma non a ciò che non vediamo, ad esempio la presenza di Gesù Vivo in mezzo a noi.

Credere all’amore folle di Dio per ciascuno, credere che siamo nati per non morire mai perché l’amore ci ha generati… Credete alla possibilità che abbiamo di essere santi ad immagine del Santo per eccellenza. Non è difficile credere…

É l’atto più semplice che esista… Ma il più coraggioso. Mio Signore è mio Dio! Sia oggi questa Parola a risuonarci nel cuore e a mettere in ginocchio la nostra anima.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade