Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 27 Aprile 2022

62

- Pubblicità -

Più chiaro di così si muore. Gesù esprime a Nicodemo chi è Dio e cosa fa: Dio è amore e non condanna nessuno. Per amore Dio ha preso carne nel Figlio, cioè è voluto venire nel mondo da lui creato per divinizzare il mondo, per renderlo a sua immagine nell’amore. Vista la realtà anche odierna, dovremmo dire che Dio ha fallito in questa sua missione, perché il mondo non conosce il vero amore e neanche lui. Ma non è proprio così. Il vangelo ci fa capire che questa realtà nuova dell’amore  la possono vivere solo coloro che credono nel Dio amore, misericordia, che non condanna ma salva cioè rende simili  a lui  e immortali.

Chi crede a questa verità viene alla Luce , cioè partorisce se stesso. E fa le stesse opere d’amore di Dio. Chi non crede cioè non aderisce a questa verità di fede, rimane nelle sue tenebre mondane.

Oggi mi chiedo quanto sono convinto che Dio mi ama incondizionatamente ed è dalla mia parte…sempre.
E quanto la sua verità permea la mia esistenza e diventa luce per me e per gli altri.
E infine… Ho dato alla Luce me stesso o ancora no?


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 27 Aprile 2022
Articolo successivodon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 27 Aprile 2022