Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 26 Novembre 2021

41

Gesù nel suo discorso escatologico che stiamo leggendo in questi giorni, ci invita a guardare, meglio osservare i segni di cambiamento che preannunciano la presenza di Dio. Come i germogli sul fico annunciano non solo l’estate ma il cambiamento dell’albero che si riempie di foglie e frutti, così è di chi osserva la realtà in cambiamento per decifrare il passaggio di Dio, la sua rivelazione.

E come ci si affina nell’osservare la realtà? È una questione di discernimento legata all’ascolto della Parola. Quella Parola che non cambia mai in sé stessa ma ha il potere di cambiare tutte le cose. Tutto passa infatti della nostra realtà attuale, solo Dio rimane nella sua relazione di amore con noi. Alla luce di questo amore riusciamo a capire i segni di cambiamento ai quali il Signore ci invita.

Siamo in tempo di cambiamento epocale. Riusciremo a scorgere la presenza di Dio che ci indica nuovi orizzonti? In che misura io affino il mio sguardo sulla realtà che vivo? Che senso ha ciò che vivo? Mi lascio travolgere come marea da questo cambiamento epocale senza afferrare il senso?


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedenteMiguel Ángel Torres-Dulce – Commento al Vangelo del 26 Novembre 2021
Articolo successivodon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 26 Novembre 2021