Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 26 Dicembre 2020

66

Oggi la liturgia della chiesa ci fa riflettere subito su cosa significhi accogliere Gesù in toto nella nostra vita. ..mettendo sotto gli occhi la morte di Stefano primo martire.

E il vangelo ci ricorda che se siamo testimoni del Cristo sempre verremo perseguitati e lapidati. In quante nostre case veniamo ancora lapidati perché annunciamo Gesù?

Lapidati dall’indifferenza o dalla dittatura dello gnosticismo…della mondanità. A volte non si può fare altro che pregare come Stefano per i nostri carnefici…lasciando a Dio la loro sorte. Ma l’importante è perseverare sino alla fine…il Dio con noi non ci abbandona.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedenteGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 26 Dicembre 2020
Articolo successivodon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 26 Dicembre 2020