Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 25 Ottobre 2021

108

Quanta gente ancora oggi si comporta come questi farisei meschini: condannare il bene di chi lo fa perché contrario agli schemi mentali personali  o alle leggi religiose o civili. Il bene è bene e grida di per sé. È superiore a tutto.

Come diceva S. VINCENZO DE PAOLI :la carità è superiore a tutte le regole. Il Signore non sopporta il male e cerca ogni occasione di vincerlo in noi. Questa donna era a pregare il suo Dio in sinagoga e molto probabilmente non era cosciente del suo male, di ciò che la teneva schiava di sé stessa.

Gesù invece la “punta” subito e la rende libera. Quante volte anche noi non siamo coscienti del male che ci abita e ci rende schiavi… Ma il Signore ha gli occhi puntati su di noi per liberarci. Gli basta che entriamo nella dimensione della preghiera con il Padre, che apriamo la porta della nostra intimità con lui.

Oggi mi chiedo quanto sono consapevole del male che mi abita e mi tiene legato a sé e quanto gretto è il mio cuore quando non accolgo il bene fatto da altri e non secondo i miei criteri o principi. Di questo chiedo perdono a Dio e mi apro alla sua azione liberatrice. Solo chi è stato liberato può a sua volta liberare altri.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedenteMiguel Ángel Torres-Dulce – Commento al Vangelo del 24 Ottobre 2021
Articolo successivoLc 13, 18-21