Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 25 Maggio 2021

49

Pietro e i suoi compagni hanno iniziato a stare dietro a Gesù affascinati, entusiasmati da quest’uomo carismatico, da questo grande profeta e non sanno a che cosa andranno incontro:  questa sequela ha rivoluzionato la loro esistenza, la loro prassi lavorativa, le loro relazioni familiari… tutto  è entrato in uno stato di trasformazione e quindi Pietro si fa un po’ di calcoli…

Ma alla fine che cosa mi ritorna di tutto questo sconvolgimento, di questo cambiamento della mia vita e della vita della mia famiglia? E pone questa domanda a Gesù il quale nella sua risposta lo spiazza completamente, perché Gesù dice che chiunque si pone alla sua sequela, chiunque lo accoglie nella propria vita, avrà una ricompensa inimmaginabile, che la mente umana non può calcolare. È la sovrabbondanza dell’amore di Dio con il quale egli ricompensa, il nostro piccolo amore.

Stare alla sequela di Gesù per noi oggi significa crescere nella dimensione adulta di Fede propria di coloro che hanno capito una cosa importantissima della vita: la vita è gratuita, ci viene donata gratuitamente e dobbiamo donarci gratuitamente a tutto e a tutti. La ricompensa è proprio l’amore gratuito di Dio. Quando la nostra mentalità è ancora calcolatrice, commerciale, economica… non stiamo nelle vie di Dio e con Dio non si può barattare: io ti do questo, tu mi dai quest’altro…Capiamo benissimo che la mentalità del merito non entra nelle logiche del Vangelo.

Chi ancora pensa di meritare qualcosa da Dio o anche dagli altri perché in fin dei conti si comporta da “buon cristiano” ha smarrito le vie del Vangelo. Oggi mi chiedo quanto questa mentalità di gratuità mi abita e quanto ancora io pretendo da Dio una ricompensa ai miei piccoli atti o gesti di amore. Gli ultimi di cui parla qui Gesù sono proprio coloro che hanno compreso e vivono la dimensione gratuita dell’amore. A costoro sarà aperta la porta del Regno dei Cieli.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 25 Maggio 2021
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 25 Maggio 2021