Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 25 Dicembre 2020

90

Oggi è apparsa la Grazia di Dio ci dice Paolo. La Grazia ha preso carne in Gesù, nato per noi. Non nasce per sé stesso Dio tra noi, ma per noi. Un atto assoluto di gratuità. Grazia è l’altro nome di Dio.

Chi lo accoglie impara a vivere in questo mondo. Viene liberato da sé. Dal potere di affermazione, di manipolare tutto e tutti, dalle rivendicazioni e risentimenti, dalle paure e dalle vendette. Ci insegna a donarci, a vivere per gli altri.

Chi vive per gli altri è libero da sé. Dio nasce per me. Gioia incontenibile di un evento piccolo, misconosciuto ai dominatori del mondo. Silenzioso. Tenero come il vagito di um bimbo appena nato. Nato per me, per prendersi cura di me. Sempre. Nelle mie gioie e nei miei dolori. Imparo a prendermi cura di Lui come han fatto Maria e Giuseppe. Il Bimbo è lì nel cuore in silenzio. Adoro e ringrazio. È il mio Natale!


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedenteCommento al Vangelo di venerdì 25 Dicembre 2020 – p. Alessandro Cortesi op
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 25 Dicembre 2020