Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 23 Marzo 2022

185

- Pubblicità -

Insomma la, statura di una persona si misura dalla sua capacità di amare. Gesù ce lo dice chiaramente. Possiamo avere tutti i titoli di questo mondo nel nostro CV, anche nobiliari, ma senza amore siamo zero, una nullità. È l’amore che dà senso alla nostra vita. E l’unica legge da rispettare è l’amore. Non solo da praticare, perché l’amore non è una idea ma un “fatto”, una Persona, ma anche da insegnare ad altri. Gesù maestro dell’amore ha concretizzato l’amore per noi dandoci la sua vita divina. E continua ad educarci all’amore attraverso il suo Spirito che abita il nostro cuore.

E allora capiamo bene che l’amore o è concreto o non esiste. E non può  si essere ipocriti cioè dire di amare solo con la bocca. Dio amore ha preso carne in Gesù. Da allora l’amore per essere tale deve incarnarsi. Chi accoglie l’amore di Dio e lo traduce in atti concreti è un grande agli occhi di Dio perché somiglia al Figlio. Chi rifiuta l’amore e non vive di amore è nulla per Dio.

Il Regno dei cieli è costruito da chi pratica l’amore, non da chi ne parla soltanto.
I grandi della terra che in questo momento si stanno facendo guerra contraddicendo il principio dell’amore, sono una nullità davanti a Dio.
Vivere di amore e nell’amore per educare all’amore… Questa è la vita del cristiano. La quaresima ci fa ricordare questa verità chiedendoci la conversione del cuore.

Solo chi ama vive. Chi non ama è già morto. Per sempre.
Che cosa è per me l’amore? In che cosa sperimento la mia incapacità di amare tutti e tutto?


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 23 Marzo 2022
Articolo successivoCommento (e immagini) al Vangelo di domenica 27 Marzo 2022 per bambini – Fano