Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 21 Aprile 2022

65

- Pubblicità -

La sera del giorno di Resurrezione Gesù appare ai suoi. Che tenerezza questo Gesù che non può e non vuole stare lontano dai suoi! Non è un fantasma… È proprio lui, quello che hanno crocifisso! Invita i discepoli a toccarlo, a mangiare con lui.

Insomma la resurrezione di Gesù da fatto incomprensibile deve diventare comprensibile. Ma come? Gesù fa di tutto per rendersi comprensibile da risorto… Anche se i discepoli stenteranno a credere. E lo fa con i segni della sua passione e con la sua umanità. Ancora oggi Gesù Risorto è presente nella nostra vita così. Dove c’è sofferenza innocente lui è là, dove c’è umanità piena di amore e di bisognosa di amare lui è là.

Ma bisogna guardarlo, ascoltarlo, lasciarsi istruire da Lui. Ci spiegherà il senso delle cose, dell’amore, del dolore…della morte. E vivremo in sua compagnia, da risorti. Non con il fantasma dei nostri pensieri religiosi… Ma con il Vivente.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 21 Aprile 2022
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 21 Aprile 2022