Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 20 Maggio 2020

39

Lo Spirito Santo che è spirito di verità ci guida alla conoscenza piena di Dio e del figlio suo Gesù. È uno Spirito che non parla da sé stesso, come dice Gesù, ma parla dal cuore di Gesù, parla dal cuore della Trinità, perché parla di amore: lo Spirito santo è l’amore tra il Padre e il Figlio, è lo Spirito di verità che rende vere tutte le cose.

Lo Spirito di verità ci è stato donato da Gesù e ci accompagna progressivamente, si adatta alla nostra comprensione, si adatta al nostro modo di camminare nella santità, ma è anche imprevedibile perché è creativo all’infinito, e in un minuto può farci comprendere ciò che non abbiamo capito di Dio per una vita intera.

Allora bisogna lasciare la libertà allo Spirito di verità di agire nel nostro cuore, di agire nella nostra vita, di guidarla come a lui piace, non porre ostacoli all’azione dello Spirito dentro di noi, non rallentare il suo cammino, e come poi dirà a Paolo, non intristire lo Spirito a causa del nostro peccato, delle nostre deviazioni.

Lo Spirito di verità che Gesù ci ha donato diventa così il nostro maestro interiore, alla scuola del quale ognuno di noi è chiamato a dimorare. Oggi invochiamo lo Spirito di verità come nostro maestro al quale noi obbediamo, col quale noi rimaniamo ore intere per comprendere sempre di più il mistero di Gesù che ci abita.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 


Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 20 Maggio 2020
Articolo successivodon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 20 Maggio 2020