Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 20 Aprile 2022

80

- Pubblicità -

Continuano in questa settimana pasquale i vangeli della resurrezione. Oggi è l’icona di Emmaus a farci compagnia. Come non riconoscerci in questi due discepoli delusi, frustrati, che hanno assaporato il fallimento dei loro sogni? Non hanno più speranza.

Gesù Risorto li fa uscire dal loro buio. Cammina con loro, li ascolta  e li evangelizza. E i loro occhi iniziano ad aprirsi a qualcosa di nuovo e inedito. Il segno benedicente del pane spezzato lo farà riconoscere in pieno come il loro amato maestro.

La resurrezione di Gesù ci dice che Egli cammina con noi ogni giorno. Sa tutto di noi e ci invita a guardare in avanti sempre con speranza… Qualsiasi prova stiamo attraversando. Ma dobbiamo ascoltare la sua Parola che è come collirio che apre e guarisce i nostri occhi, quelli della fede. L’ascolto ci conduce all’adorazione. Il suo corpo nel pane eucaristico ci fa stare uniti a Lui. Siamo una cosa sola con lui.

Non ce ne priviamo. Prendete e mangiatene TUTTI, disse Gesù nell’ultima sua cena. E ancora oggi risuonano le sue parole nella celebrazione eucaristica. PAROLA E PANE eucaristico, la Presenza del Risorto in noi e fra noi. Senza di essi impossibile camminare da risorti col Risorto.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 20 Aprile 2022
Articolo successivodon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 20 Aprile 2022