Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 2 Marzo 2022

156

- Pubblicità -

Una delle più belle pagine di Matteo. Il cuore di questo monologo di Gesù è l’autenticità che nasce e muore nel cuore, luogo inaccessibile agli altri tranne che a Dio. L’autenticità è un marchio, come quelli depositati per le merci o prodotti. È unica non può essere contraffatta. È questo il cammino che la Chiesa attraverso le parole di Gesù ci invita a fare.

Scendere nel cuore e vedere quante maschere ci siamo costruiti, magari una per ogni occasione. Il cammino di questi 40 giorni è motivato quindi dal bisogno di autenticità, dal toglierci le maschere, dalla verità di noi stessi che vuole essere partorita. È lo sguardo che è collegato al cuore che dovrà cambiare. Il nostro.

Quello che usiamo nel vedere se gli altri ci guardano in tutto ciò che facciamo o ostentiamo. Lo sguardo va indirizzato in Alto verso Colui che sa guardare nel nostro cuore ciò  che non manifestiamo. Lasciarsi guardare solo da Dio! Un bell’impegno quaresimale. E allora i nostri piccoli gesti di amore saranno autentici , così come la nostra preghiera e il nostro “digiuno “.

Quello fatto di parole inutili e dannose, di ascolto e vista di ciò che non ci fa crescere nell’amore, quello del rumore a tutti i costi…del divertimento sempre e comunque.

Insomma 40 giorni per rinascere, per ritrovare il nostro marchio di originalità. Mica poco. Ma ci vuole decisione e volontà. Ne vale la pena.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

- Pubblicità -

Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 2 Marzo 2022
Articolo successivoPaolo Curtaz – Commento al Vangelo di domenica 6 Marzo 2022